GIOVANNI XXIII S.R.L. "Centro Don Franco Picco"

Presidio socio assistenziale a rilievo sanitario per disabili di Lessona (BI)

Centro autorizzato ASL 12 di Biella



- Home
- Camere
- Chi Siamo
- Dove Siamo
- Contattaci
- Attivita'
- Assisenza Medica

SOGGIORNO SERENO "GIOVANNI XXIII s.r.l."

Via Roma 2- Tel. 015.981376 13060 - Lessona (VC) Residenza Assistenziale Alberghiera per Anziani

LABORATORI:Un crescente interesse è stato rivolto negli ultimi anni verso i 'laboratori', che consistono usualmente in corsi nei quali vengono insegnate ai pazienti varie attività inerenti le arti (figurative, letterarie, musicali), i mestieri (artigianato) ed alcune mansioni della vita quotidiana.
La proposta di attività di laboratorio si è attualmente rivolta ai pazienti residenti nel nostro centro, ma risulta essere indicata anche per disabili inseribili in Centri Diurni Socio Terapeutici Educativi. Il progetto è infatti quello di allargare la possibilità di accesso alle attività anche ad utenti non residenti favorendo peraltro un utile ulteriore contatto con la realtà locale.


ATTIVITA'

 

Attività grafico-plastiche: svolte utilizzando tecniche e materiali diversi al fine di permettere una espressione personale del soggetto e uno stimolo della motricità fine. Al tempo stesso la realizzazione di alcuni lavori consente di ricordare le principali ricorrenze dell'anno (lavori che vengono donati ai genitori durante le festività), o di abbellire gli ambienti abitativi. I soggetti più gravi vengono comunque coinvolti in questo tipo di attività, utilizzando però tecniche che forniscano stimoli sensoriali più frequentemente visivi e tattili (es. spargere il colore con le mani o con i piedi; manipolare materiali diversi...), senza arrivare ad una produzione figurativa anche semplice.
UTILIZZO DELLA CARTA-PESTA: il materiale in questione è stato scelto perché presenta la possibilità per l'utenza, di seguire tutte le fasi di realizzazione del prodotto dal "reciclaggio" della carta, alla preparazione dell'impasto, alla realizzazione e rifinitura di oggetti.
Questi ultimi presentano un livello di difficoltà di realizzazione compatibile con le capacità del singolo utente onde evitare possibili occasioni di "frustrazione" del soggetto, per tale motivo sono stati individuati due gruppi di lavoro. Il primo con utenti capacità psico-motorie più limitate più limitate, il secondo con utenti in grado di realizzare oggetti più particolareggiati e curati.
I prodotti ottenuti vengono poi destinati al decoro degli ambienti di vita comunitaria ( es.saloni) o per finalità indicate dal singolo utente (es: regali).


Attività specifiche per un membro del gruppo: qualora un assistito necessiti di un intervento individualizzato rivolto ad un problema specifico l'educatore, in collaborazione con gli operatori più competenti riguardo al problema sul quale si vuole agire, può portare avanti all'interno del gruppo un sottoprogetto specifico per uno dei suoi assistiti, compatibilmente con la possibilità di gestione del gruppo stesso.

Attività ludica e sportiva: molto è stato scritto e detto sull'importanza simbolica ed evolutiva del gioco nel bambino, trascurando spesso il grande impatto che tale attività continua a mantenere anche nella persona adulta. Altri aspetti, oltre a quello relativo allo svago risultano essere di particolare rilievo: l'accettazione delle regole del gioco, che sono parte integrante del divertimento che ne deriva, con il conseguente stimolo ad accettare anche altre regole non inserite in un contesto ludico; un miglior utilizzo dell'aggressività, che viene in questo caso vissuta in termini di competitività; una maggior coesione fra assistiti e con gli operatori ed un ridimensionamento dei conflitti attraverso il divertimento comune. I giochi si svolgono sia all'interno del gruppo famiglia, sia durante attività settimanali svolte da tutti gli ospiti del centro suddivisi in due gruppi (vedi altre attività: giochi)

Attività sportiva: i benefici dello svolgimento di una corretta attività fisica sono di comune dominio e pertanto non necessitano di ulteriori spiegazioni. Viene svolta attività sportiva sia all'interno del centro, sia in collaborazione con la Polisportiva Handicap Biellese

Visione e ascolto di programmi televisivi e radi%nici selezionati: occasione di arricchimento e confronto su temi diversi; strumenti privilegiati di conoscenza di quanto avviene nel mondo (solo pochissimi dei nostri assistiti riescono a fruire dei giornali come mezzo di aggiornamento)

Ascolto di musica e ballo: il ballo è un modo gradito di svolgere attività fisica, mentre l'ascolto di brani musicali risulta essere una delle attività preferite dai nostri ospiti, tanto da occupare la maggior parte dei momenti liberi. L'educatore interviene guidando l'attività e stimolando chi tende ad isolarsi. Il confronto sui cantanti preferiti e sulle nuove canzoni crea delle occasioni di contatto e dialogo fra gli assistiti.

PUOI SCARICARE:

 

GIOVANNI XXIII s.r.l.- LESSONA - BIELLA - TEL- +39.015.981285/901130 Fax +39.015.981824 e-mail info@giovannixxiii.it